Qualche parola in semplicità per far chiarezza sulle #banchevenete :
1. le banche erano tecnicamente fallite, non per le regole europee, ma per le norme che regolano il sistema bancario a livello internazionale
2. Le banche venete si sono trovate in questo situazione perché hanno concesso prestiti che non sono stati rimborsati
3. Inoltre le banche avevano dei costi di gestione doppi rispetto alla media bancaria (quindi oltre ai prestiti non rimborsati erano in costante perdita operativa)
4. Per risolvere la situazione era necessario fare un aumento di capitale ma i soci non erano in grado di farlo
5. Le norme del bail-in che sono state decise a livello europeo servono per evitare che i contribuenti italiani paghino per i debiti delle banche private
6. Il bail in prevede che a rimetterci siano gli azionisti e i creditori della stessa banca, andando a circoscrivere il danno a chi ha dato fiducia a quella stessa banca e a quella gestione fallimentare
7. In questo “salvataggio ordinato” le norme sul bail in sono state eluse dal Governo Italiano scaricando i costi sui contribuenti, concedendo un notevole vantaggio a Intesa San Paolo (che compra solo Asset buoni a valori ridicoli) distorcendo il mercato bancario (quindi anche tutti gli altri correntisti e azionisti di banche ci rimettono)
8. Last but not least, vengono salvati gran parte dei dirigenti delle banche venete che hanno truffato (sì truffato) molte persone, alle quali venivano concessi i finanziamenti se e solo se compravano quote della stessa banca e le lasciavano a garanzia alla stessa banca.

Leave a Comment